STREGATI DALLA LUNA

Dalle canzoni ai film, dalle poesie alla moda, la luna, signora della notte, è da sempre musa ispiratrice.

Il 2019 è il suo anno, si celebrano i 50 anni del leggendario sbarco e gli eventi moon oriented si moltiplicano, sia in Italia che all’estero.

Al Museo Civico di Rovereto è stata allestita una mostra che non vuole essere solo un revival, ma come come spiega la curatrice Chiara Simoncelli “La luna non rappresenta solo un obiettivo raggiunto, ma oggi più che mai è la base per nuovi scenari e progetti che ne rinnovano il fascino”.

A gennaio Copenaghen ha ospitato la mostra “The Moon: From Inner Worlds to Outer Space” che riunisce opere d’arte, letteratura, musica e design, tutti dedicati alla luna.

Per il Capodanno 2018 il Comune di Roma ha organizzato una 24 ore di eventi e performance con artisti provenienti da tutto il mondo alla luce della scultura dell’artista inglese Luke Jerram, “Museum of the Moon” una massa sferica del diametro di 7 metri che permette di ammirare la superficie lunare e di essere illuminati dal chiaro di luna.

Romantico, suggestivo, incantevole.

 

Anche la rassegna enologica “Wine & The city” di Napoli a maggio sarà in parte dedicata alla luna, con incontri e performance a tema.

Ad Huntsville (Alabama), meglio soprannominata “The Rocket City”, culla dello sviluppo della tecnologia spaziale a partire dagli anni ’50, si festeggia il decollo del famoso razzo Saturn V con a bordo Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins con numerosi eventi ed effetti speciali.

Proprio da lì, dal prestigioso “Space & Rocket Center” arriva una collezione di importanti cimeli spaziali, dalle navicelle alle tute ai simulatori, che sarà possibile ammirare alla Mostra e rassegna “Space Adventure” alla Promotrice delle Belle Arti di Torino fino a marzo 2020.

Perché anche Torino sbarca sulla luna con una serie di eventi da aprile a novembre che includono mostre, testimonianze, presentazioni di video storici, conferenze, musica e cinema.

E questi sono solo alcuni degli eventi a celebrazione di questo storico avvenimento rimasto impresso nella memoria della gente.

Ma quale è stato il vero significato dello sbarco sulla luna?

Un bell’articolo di Oriana Fallaci cominciava così:

“Alle 4.57 del 21 luglio 1969 l’uomo ha messo piede sulla Luna. E’cominciata così una nuova era nella storia umana: la conquista degli altri mondi, la scalata ai corpi celesti, l’assalto allo spazio. Non più prigioniero del proprio pianeta, l’uomo si è proiettato verso approdi ignoti. Finita la preistoria spaziale, si entrava nell’era cosmica…”

Fu un evento storico, per la prima volta un uomo aveva camminato su un corpo celeste.

“Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità”, queste le parole di Neil Armstrong toccando il suolo lunare e infatti questa impresa è stata una conquista universale per tutta l’umanità: una dimostrazione di capacità, tecnologia e forza.

Ciò che per alcuni è un confine per altri è un orizzonte ed è così che l’uomo ha affrontato le grandi sfide verso l’ignoto: andare a vedere cosa c’è oltre.

Oltre il Pacifico, oltre lo stretto di Bering, oltre il Circolo Polare Artico, oltre il cielo: sbarcando sulla luna abbiamo guadagnato un nuovo orizzonte.

Abbassando lo sguardo, non possiamo prescindere anche da un significato politico che ha visto in questo evento storico la supremazia spaziale degli Stati Uniti sull’Unione Sovietica. Oggi però lo Spazio premia la collaborazione internazionale, la condivisione di programmi comuni che consentono traguardi sempre più avanzati.

Considerando che questa impresa scientifica ha alla base una ancor più grande impresa tecnologica, abbiamo un’eredità importante che forse non tutti sanno.

Da quella pratica per cui migliaia di brevetti e applicazioni tecnologiche di uso quotidiano derivano dalle ricerche spaziali: informatica, Internet, nuovi materiali, cellulari, fotocamere,rolex replica telecomunicazioni e tanto altro ancora, a quella ecologica: è dallo spazio che l’uomo ha acquisito la cognizione della fragilità ambientale del nostro pianeta.

Possiamo dire, quindi, che lo sbarco sulla luna ha significato molte cose, prima fra tutte la consapevolezza che l’uomo è in grado di affrontare sfide straordinarie.

Noi di MAB abbiamo pensato di trarre spunto da questa storia meravigliosa per portare nelle aziende delle iniziative sia di carattere ludico che formativo attraverso esperienze stellari. Un vero e proprio format per entrare nel mondo dello spazio non solo per godere di effetti speciali ma anche per acquisire nuove consapevolezze in tema di ambizione, cooperazione, determinazione, sfida, gioco di squadra, tutti ambiti utili a perseguire i propri obiettivi.


Condividi questa pagina sui socials:
< Torna indietro